Dublino terra di scrittori

 

Google

Scrivici  Scrivici


Dublino terra di scrittori

L'Irlanda anche una nota terra di scrittori: 4 premi Nobel (W.B. Yeats, G.B. Shaw, Samuel Beckett e Seamus Heaney), decine di altri famosi autori (Joyce, Jonathan Swift, Oscar Wilde, Bram Stoker...). Dublino ha oggi trovato il suo cantore in Roddy Doyle (The commitments, Due sulla strada, Paddy Clarke ah ah ah!), ma per capire l'Irlanda leggete anche Joseph O'Connor (Il rappresentante, La fine della strada, Il maschio irlandese in patria e all'estero), Seamus Deane (Le parole della notte) e Nan Joyce (Una vita sulla strada: un libro autobiografico che racconta la vita dei "travellers", gli zingari irlandesi). Altra lettura consigliata, Eureka street di Robert McLiam Wilson, la storia di 2 amici nella Belfast in cerca di pace. Oggi il tempo delle barricate e dei blindati sembra finito, ma nessuno si illude che il "Good Friday Agreement", l'accordo del '98 che garantisce una piccola autonomia amministrativa all'Ulster, sia la soluzione del problema. Per rendersene conto, basta passare un po' di tempo a Derry, nel quartiere di Bogside, teatro del Bloody Sunday: sono trascorsi 30 anni, ma i segni della guerra civile sono ancora evidenti. La voglia di andare avanti c'. E se qua e l rimangono divisioni profonde tra orangisti e cattolici, i governi dell'Ulster e dell'Eire provano a dare qualche segnale concreto collaborando in alcuni settori. Ad esempio il turismo: dall'inizio del 2002 gli uffici di rappresentanza sono stati unificati e, almeno sotto questo aspetto, l'Irlanda una sola.

 

 

 

Copyright Londraweb.com

 
 
>