Sir John Soane?s Museum

a Londra

 

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Alloggi a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra


 

sei qui   Arte a Londra  ► Cosa vedere a Londra

John Soane?s Museum a Londra

John Soane?s MuseumVisitare il museo di Sir John Soane a Londra significa scoprire un incredibile tesoro culturale. Una sorprendente collezione d'antichitÓ ed arte di un artista eclettico: dal sarcofago di Seti I nella cripta, ai dipinti di William Hogarth nella galleria dedicata ai quadri alla libreria con quasi 7000 libri. Il quartiere di Holborn non pu├▓ che essere orgoglioso di ospitare un tempio della cultura di cos├Č tale portata.

Sir John Soane era un famoso architetto, artista e collezionista d'arte, vissuto tra il XVIII ed il XIX secolo. Per suo volere testamentario la sua abitazione in Lincoln's Inn Fields ├Ę stata trasformata in un museo a lui dedicato. lasci˛ in eredit? alla nazione l'enorme 'cultura' esposta, a patto che alla sua morte tutto rimanesse come lui stesso l'avrebbe lasciato, e questo venne stabilito da un atto del Parlamento inglese da lui stesso negoziato.

Dalla sua scomparsa, avvenuta nel 1837, Non ├Ę ai stato toccato e spostato neanche un soprammobile. Soane progett? questa casa per la sua famiglia, ma dopo la morte della moglie vi abit?da solo, aggiungendo e riordinando con costanza quasi maniacale tutte le sue collezioni. La casa-museo si presenta in parte 'curiosity shop', in parte residenza privata, il risultato ├Ę un insieme intriso di fascino e in qualche modo di atmosfera ultraterrena. Si rimane colpiti dagli affreschi di Henry Howard (1769-1847), che ornano il soffitto della biblioteca e della sala da pranzo, ma anche dai dipinti di William Hogarth, di Canaletto e dello stesso Soane (che era anche pittore), oltre che da una nutrita raccolta d'arte medievale.

John Soane?s Museum Il pezzo forte del museo ? custodito nel seminterrato, in quella che lo stesso artista chiamava 'camera sepolcrale': all'interno ?presente il John Soane?s Museumsarcofago di Seti I, padre del faraone Ramsete il Grande, datato 1370 a.C. Lo troviamo custodito insieme ad altri oggetti di grande valore archeologico, come due steli egiziane della 12-17a dinastia e la statua di Diana di Efeso, versione romana del II secolo della celebre statua originale antica Anatolia. La Diana romana apparteneva probabilmente alla collezione del Cardinale Pio da Capri e quindi dello stesso Papa Giulio III e venne acquistata da Soane nel 1802 dal conte di Bessborough. Ad essa si affiancano altri reperti dell'antica Roma, tra cui un importante busto di donna (I secolo d.C.), marmi romani e il cosiddetto Cawdor's Vase del IV secolo a.C., un grande vaso che serviva per la miscelazione del vino. Il reperto fu rinvenuto nel 1790 nel sud Italia, nelle vicinanze di Lecce e venne acquistato per ?68.50 nel 1800 da John Campbell, 1? Barone di Cawdor (1755-1821), uno dei pi├╣ grandi collezionisti di antichitÓ del XVIII secolo inglese. Si aggiungano una miriadi di altri oggetti d'arte e dell'antichitÓ tra cui il piccolo gruppo di bronzi romani rinvenuti a Pompei.

Al piano superiore dell'edificio la collezione continua con miniature, cammei antichi, libri, dipinti dell'artista inglese Joseph Mallord William Turner e vari schizzi di Joshua Reynolds. Questo ├Ę un museo che vale sicuramente pi├╣ di una visita. Di particolare importanza sono inoltre dei pezzi del XIV secolo appartenenti alla House of Lords: una trecentesca patera in legno del Palazzo di Westminster (gli unici sopravvissuti), un piatto in maiolica della bottega di Guido Durantino di Urbino (1535), diversi altri pezzi del Rinascimento italiano, orologi astronomici, pannelli in vetro provenienti da antichi monasteri distrutti in Europa e tanto altro.

John Soane?s MuseumA colpire la nostra attenzione ? in particolare anche la biblioteca di Sir John Soane, conservata insieme al resto della sua collezione. Da allora, non Ŕ stato aggiunto n?tolto alcun libro. In totale sono poco pi├╣ di 7.000 i titoli, che vanno a formare l'unica biblioteca professionale nota di un architetto del XIX secolo. Soane viene considerato uno dei pi├╣ grandi accademici dell'architettura della Gran Bretagna, fu professore di architettura presso la Royal Academy e si sostiene che in qualche misura egli abbia creato e sviluppato le sue collezioni come strumento didattico per i suoi studenti di architettura. Noto intenditore e collezionista, Soane si interess├Ę anche di innovazione tecnica, ed anche questo si riflette nella sua biblioteca. Romanzi, libri di viaggi, cucina, giardinaggio, religione e politica sono tutte rappresentati. In via eccezionale, troviamo non solo libri conservati nel loro contesto originale, ma anche cataloghi di vendita, ricevute, liste di librai, prospetti. Nel 1833 una legge appositamente negoziata dallo stesso architetto, Soane Museum Act, promulgata qualche anno prima della sua morte, ha specificamente disposto che la collezione di Soane dovesse diventare una 'Accademia d'Architettura', tale da poter essere utilizzata da ?dilettanti e studenti in pittura, scultura e architettura. Alla sua morte, nel 1837, la legge entr˛in vigore, e il museo passava di mano ad un consiglio di amministrazione con l'obbligo di continuare a sostenere le finalit?e gli obiettivi propri di Sir John Soane.

Consigliamo di visitare il museo soprattutto il primo marted├Č di ogni mese, durante le ore serali, per fare esperienza della speciale visita guidata a lume di candela (dalle18.00 alle 21.00).

Direzioni:

Sir John Soane?s Museum
13 Lincoln?s Inn Fields
London WC2A 3BP

Metropolitana: Holborn

Orari:

10.00-17.00 (entrata gratuita). Ultimo ingresso ore 16.30.

Le visite guidate sono a pagamento.

Visita serale a pagamento, aspettarsi lunghe code. Si consiglia la prenotazione: giorni in programma per il 2011 sono il 4 gennaio, 1 febbraio, 1 marzo,  5 aprile, 3 maggio,1 giugno, 5 luglio, 2 agosto, 6 settembre, 4 ottobre, 1 novembre, 6 dicembre

Torna su

Ritorna a Informazioni su Londra

 

|

 

 

 

 

Copyright ┬ę Londraweb.com

 
 
>