Big Ben

 Londra Blog Blog Blog Blog

Home

  info@londraweb.com

Un milione di studenti Erasmus - Storie individuali : Stephanie (Germania)

Germania - Stephanie

Ho trascorso un anno a Londra come studentessa Erasmus. Potrebbe non sembrare nulla di eccezionale, ma sono disabile e mi muovo su una sedia a rotelle. Per questo i miei studi in Inghilterra sono diventati una specie di grande avventura. Per poter vivere da sola in un altro paese, ho dovuto organizzare molte cose, come l'assistenza, il servizio riparazioni per la mia sedia a rotelle, ecc.

Alla fine ho acquisito l'esperienza che mi permette di confrontare la vita dei disabili in due culture diverse. Ť stato interessante scoprire differenze e similitudini. In breve, in Gran Bretagna l'impegno sociale ?qualcosa che fa parte della vita quotidiana. ?comune assistere i "deboli e poveri" della societ√†su base volontaria. D'altro canto, la gente era spesso sconcertata quando chiedevo di essere trattata alla pari. In Germania questo ?meno problematico.

Dal punto di vista personale, i miei studi a Londra hanno cambiato completamente la mia vita. Una volta tornata, ho deciso di lasciare la casa dei miei genitori e di iniziare una "nuova vita". Ho imparato a credere nelle mie capacità e ho avuto occasione di vedere che "c'?sempre una soluzione" e qualcuno disposto ad aiutare.

Anche professionalmente ho fatto un passo avanti. Prima di andare a Londra non sapevo se volevo veramente diventare giurista. Studiare diritto √® stata una decisione di mio padre piuttosto che mia. Ma a Londra ho scoperto che il diritto non ?solo costituito da un mucchio di leggi. √® anche il riflesso della cultura di un paese. Trovo che ci?sia affascinante. Ho constatato che esistono molti modi per risolvere lo stesso problema sociale e in questo senso il diritto √® un'espressione della societ√† Ho iniziato a capire perch√© i giuristi britannici non amano i codici e perch√© per loro ?molto pi√Ļ problematico tradurre il diritto comunitario che per i tedeschi.

Per queste ragioni, non rimpiango davvero di aver impiegato in questo modo un anno della mia vita e sono molto grata a coloro che mi hanno sostenuta.

Torna alla pagina dei Blog