Charlie Chaplin

 

Scrivici  Scrivici

Alloggio a Londra, camere in condivisione Appartamento in affitto a Londra  Informazioni su Londra  Corsi di inglese  Lavoro a Londra  Hotel a Londra  Ostelli a Londra


 

Sei qui Informazioni su Londra Personaggi famosi Charlie Chaplin

La vita Charlie Chaplin

Attore e regista inglese, conosciuto e amato dal pubblico con il nome di Charlot, ?stato uno dei più grandi interpreti del cinema internazionale d'inizio secolo. La sua fortuna se la crea dal nulla. Charlie Spencer Chaplin nasce a Londra il 16 aprile 1889 nel quartiere di Kennington (dove esiste ancora la casa dove ?nato, foto a lato). Figlio di un guitto da music-hall, l'artista resta orfano di padre alla tenera et?di cinque anni. Quando anche la madre, che ? di origine ebraica e fa la cantante nei locali notturni, lo lascia da solo a vivere per la strada.
Il ragazzo, cresciuto tra estremi disagi, muove i suoi primi passi artistici nel mondo del circo. Dove si afferma come fantasista negli spettacoli itineranti di Fred Karno. Proprio durante una tourn? ad Hollywood, questo giovane trasformista viene notato da un certo signor Sennett, il direttore della Keystone, con il quale girer?le sue prime comiche.

Casa natale di Charlie Chaplin a Kennington LondraEd ecco che, tra il 1914 ed il '15, da una delle sue più famose macchiette, quella del donnaiolo perdigiorno Chas, Charlot crea il personaggio che lo render?celebre. Quello di Charlie, un tenero vagabondo ai margini della società con una dignit? sensibile e particolare e dai tratti somatici inconfondibili. è un uomo che non appartiene a niente e a nessuno, forse neanche a se stesso, destinato suo malgrado al fallimento. è il perdente per antonomasia ma, nello stesso tempo, ?colui che fronteggia ostentatamente la vita crudele. Schiacciato dagli ingranaggi della società affonda con timido orgoglio. ?debole con coraggio, Charlie: con la sua giacchina lisa e stretta, i pantaloni troppo larghi, così come le scarpe abbondanti, l'inconfondibile bombetta ed il bastone di bamb? La grande espressivit?di Charlot è la forza del suo personaggio. Gli occhi scuri, tristi e profondi, quanto ironici e pungenti parlano sopra due piccoli baffetti neri, di sapore provocatorio.

Regista di se stesso a partire dal suo dodicesimo film, Chaplin passa la sua carriera a perfezionare il suo straordinario personaggio. Insieme al regista David Wark Griffith, Mary Pickford e Douglas Fairbanks fonda, nel 1919, la United Artists. (1) Dagli anni venti in poi diminuisce la quantit?ma aumenta la qualit?delle opere cinematografiche che il grande Chaplin realizza. La donna di Parigi di cui ?solo regista, La febbre dell'oro e Il circo negli anni '20; Luci della città /b> e Tempi moderni negli anni '30; Il grande dittatore e Monsieur Verdoux negli anni '40; Luci della ribalta nel 1952: nell'arco di vent'anni nascono opere autenticamente immortali. La memoria collettiva ?a questi titoli che lega principalmente il nome del grande comico.

Personaggio pubblico, universalmente acclamato, Chaplin ha anche un'intensa vita privata, sulla quale fioriscono inevitabilmente delle leggende. La realtà parla di quattro matrimoni -con Mildred Harris nel 1918, Lita Grey nel 1924, la grande Paulette Goddard nel 1936 e Oona O'Neill nel 1943- dieci figli "ufficiali" (otto dalla sola Oona, fra il 1944 e il 1962, l'ultimo quando il patriarca ?ormai settantatreenne), numerose relazioni spesso burrascose e dai complessi scioglimenti si alternano a vicende dallo spessore "politico". La presunta origine ebraica e le simpatie (anche accese) per le idee e i movimenti di sinistra lo pongono sotto il controllo dell'FBI sin dal 1922, portandolo nel 1947 di fronte alla Commissione per le attività antiamericane. Tutto ci?fa si che, nel 1952, gli venga annullato il permesso di rientro negli USA.

Nel 1953 i Chaplin si stabiliscono in Svizzera, presso Vevey, dove Charles (che nel 1972 ha ottenuto da Hollywood un tardivo Oscar alla carriera) si spegnerè il 25 dicembre 1977. Due anni prima, nel 1975 la Regina d'Inghilterra lo insignisce del titolo nobiliare.
I suoi ultimi film (Un re a New York, 1957, e La contessa di Hong Kong, 1967), la sua Autobiografia (1964), le riedizioni sonorizzate delle sue vecchie opere e molti progetti rimasti incompiuti hanno confermato sino all'ultimo la vitalit?di un artista che va annoverato fra i pochi grandi in assoluto del nostro secolo. (2)


FONTI UTILIZZATE:
(1) Charlie Chaplin - biografia Raiuno Raidue
(2) Chaplin, una lunga vita - http://digilander.iol.it/Yuri


Ritorna a Informazioni su Londra

|

 

 

 

 

Copyright © Londraweb.com

 
 
>